Cacio e Pepe

 

Eccoci di fronte ad un altro classico della cucina Romana…
Se siete di Roma o ci venite spesso o avete degli amici di Roma avrete sicuramente assistito a qualche discussione su come preparare questa semplice ricetta ma di difficile preparazione o su dove si mangia meglio se a Trastevere o a Testaccio o in centro e così via… Tralascio di proposito la preparazione di alcuni cuochi di ristoranti che nella preparazione “barano” cioè aggiungendo burro o panna e così via.. Veniamo a noi, ognuno ha il suo metodo o il suo trucco: pecorino stagionato, pecorino semi stagionato, acqua della pasta, piatti caldi, piatti freddi, farina, pepe al mulinello, pepe macinato grosso, pepe schiacciato, acqua della pasta della sera prima ecc ecc Quindi io ora non farò altro che aggiungere il mio metodo o trucco giusto per incasinare ancora di più queste interminabili discussioni ;-) Il mio metodo consiste nel versare acqua ghiacciata e un cubetto di ghiaccio in una cuccumella dove vado a mescolare il pecorino con una frusta ben bene, aggiungo il pepe macinato al momento e tengo da parte.. durante la breve cottura del tonnarello o chitarrina verso questa cremina che chissà per quale motivo rimane bella cremosa nella padella, accendo il fuoco e ci verso dentro i tonarelli con un mestolo di acqua della pasta, spadello velocissimamente ed ecco che il piatto è pronto, fumante e cremoso…
Se poi avete una mezza forma di pecorino avanzata, beh il gioco è fatto…
Chitarrine cacio e pepe
Ingredienti per 4 persone:
500 gr. di chitarrine
80 gr. di pecorino Romano Dop grattugiato
Sale
Pepe
Preparazione:
Cuocere le chitarirne in abbondante acqua salata e grattugiare il pecorino. Scolare la pasta lasciando un poco di acqua di cottura. Versare la pasta in una zuppiera cospargerla con il formaggio e  abbondante pepe appena macinato. Mescolare bene e servire subito in piatti caldi.
Vino: con questa ricetta io nei calici verserei un Vespolino rosso dell’ oltrepò pavese