Si fa presto a dir Carbonara… questa è la mia (?)

Eccoci finalmente, il punto interrogativo alla fine della frase l’ho inserito perchè sinceramente come avevo anticipato qualche giorno fa non ricordo se la ricetta di questo piatto l’ho partorita io nella mia mente in una notte insonne o se l’ho visto o mangiato da qualche parte… fatto sta che questa versione di carbonara un pò estrema mi ha intrigato molto sia nella preparazione sia mentre lo mangiavo, mischiare terra e mare in un piatto di solida struttura come la carbonara mi faceva temere il disastro e invece alla fine il matrimonio non solo è risultato perfetto ma mi ha dato l’impressione di uno di quei matrimoni che durano per tutta la vita… Buon primo maggio a tutti… Rocco.  
P.s. scusate se il mio logo del sito sta diventando invadente nei piatti ma lo faccio per proteggermi dai furti continui delle nostre fotografie da parte di poveretti piccoli personaggi.
Si fa presto a dir Carbonara… questa è la mia (?)
Ingredienti per 4 persone:
400 gr. di maccheroni rigati
8 asparagi freschi
4 rossi d’uovo
100 gr di parmigiano reggiano grattuggiato
Bottarga (di cefalo detto muggine o di tonno)
Pepe
Olio buono
Sale
Preparazione:
Mentre state cuocendo la pasta, in una padella con un filo di olio fate cuocere per una decina di minuti gli asparagi tagliati a pezzi con l’aggiunta di un mezzo bicchiere di acqua, regolate di sale e di pepe, spegnete e tenete da parte al caldo. In Una ciotola sbattete i rossi d’uovo e diluiteli con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, aggiungete il formaggio grattuggiato e tenete da parte. Scolate la pasta  rimettetela in padella a fuoco minimo e versateci prima gki asparagi e poi i tuorli sbattuti col formaggio. Amalgamate il tutto per un minuto e servite con una generosa grattuggiata di bottarga (io ho usato quella di muggine perchè avevo quella).
Vino: con questo piatto io nei calici verserei un bianco Sauvignon Doc Friuli Grave .