Torta cocconute

La scena si è svolta così… più o meno…
Domenica mattina, si parte per andare a vendemmiare, appuntamento fisso in un casale di alcuni amici.. Il tempo è bello, la compagnia è di quelle sincere con amici parenti amici di amici nonni cani e bimbetti che scorrazzano senza briglie… La combriccola si divide: gli uomini ai lavori pesanti, le donne ai lavori di fino, le zie e le nonne in cucina e il maresciallo che impartisce gli ordini… L’atmosfera è serena, si lavora duro ma con il sorriso e la serietà di non rovinare il raccolto di un anno intero… le zie apparrecchiano la tavola che ospiterà i circa venti lavoratori tra le vigne mentre le nonne spignattano e spadellano quello che dopo la giornata di lavoro servirà a rifoccillare e a dar ristoro all’anima di tutti noi… A fine giornata dopo che tutto si è svolto secondo la regola e messo a riposare il mosto che inizia e continuerà a sbraitare per diversi giorni come un purosangue a cui hanno legato la cinta della sella troppo stretta ci si lava col tubo e tutti di corsa a tavola… inizia così un’altra festa, quella dei profumi e dei sapori… Le nonne ci hanno dato dentro sia in quantità sia in ricchezza di ingredienti buoni e tutti si fiondano sui propri piatti con l’entusiasmo tipico dei ragazzini e senza quei sensi di colpa che l’apparire ci impone di essere più o meno magri… Oggi se magna, ce lo siamo guadagnato questo cibo e le nonne apprezzano… Ad un certo punto tra risate, prese in giro, discorsi più o meno seri si inizia a parlare di cibo, si passa a parlare di libri di cucina e immancabilmente si finisce a parlare di siti internet di cucina. Una ospite racconta che grazie a questi siti ha imparato a cucinare e descrive alcuni siti, “ma il suo mito è uno solo: Rocco e i suoi fornelli”. Finita questa frase cala un attimo di silenzio e sul viso di quasi tutti si disegna lo stupore, la meraviglia e tutti gli ospiti iniziano a guardare prima lei e  poi me, sembrava una partita a tennis. A quel punto il maresciallo capisce che la signorina era ignara di quello che stava dicendo, scoppia in una fragorosa risata e dice: guarda che il Rocco di quel sito ce l’hai seduto di fronte… e parte una risata generale mentre … riesce a ridere e a commuoversi contemporaneamente…
Gran bella giornata…

Torta cocconute
Ingredienti per una teglia da 26 cm
100gr di burro morbido
100gr di scaglie di cocco
100gr di farina
150gr di zucchero
3 uova
Una bustina di lievito paneangeli
Una bustina di vanillina
200 ml di latte
1 cucchiaino di liquore per dolci (facoltativo)
1 pizzico di sale
Crema di cioccolato (nu…la)
Preparazione:
In una cuccumella versare lo zucchero, il lievito, il pizzico di sale, la vanillina e la farina; impastare e aggiungere le 3 uova, continuare a mescolare, aggiungere il burro ammorbito ed infine il latte. Versare il composto ottunuto in una teglia con il diametro di 26 cm ben unto con del burro e infornare a fotno già caldo (il mio è ventilato) a 180° per 20 minuti. Non appena cotta sfornare, lasciarla raffreddare bene e cospargerla con la crema al cioccolato (nu…la) e finire con una ricca spolverata di scagliette di cocco.
Vino: con questo piatto io nei calici verserei un moscato di Trani passito.