Trofie cozze e cicerchie

Elisabetta Day:
Buon giorno amici!
Anche oggi Rocco ha scelto un piatto che esalta i sapori della terra pugliese, una ricetta che è il trionfo di mare e terra, profumo e sapore. Eh si, si tratta delle”Trofie con cozze tarantine  e cicerchie”. Delle cicerchie, abbiamo conosciuto la zuppa che il nostro cuoco preferito, ha preparato i giorni scorsi, delle cozze, devo aggiungere qualcosa io, perche’ qui si parla della mia citta’ delle cozze tarantine, che hanno un profumo ed un sapore senza eguali. I pescatori amano molto le loro coltivazioni di mitili, piantano dei pali, in mare, dove il seme, messo a dimora, attecchisce e prende vita, la cozza comincia a crescere, dapprima piccina come una lenticchia, poi il nutrimento marino e le coccole delle onde, fanno il resto. Da qui le famose “zoche” di cozze tarantine. La scelta delle trofie poi, sembra casuale, ma non lo è affatto arrivando essa dal mare ligure diametralmente opposto a quello tarantino. Il piu’ delle volte preparata in casa, tratterra’ tutto il sapore gustoso del sugo naturale delle cozze che, miscelato a quello delle cicerchie, coronerà questa fantastica pietanza…
Trofie cozze e cicerchie
Ingredienti per 4 persone:
500 gr di trofie fresche
300 gr di cicerchie già cotte
1 kg di cozze tarantine
6 pomodorini al filo
2 spicchi d’aglio
Olio buono
Prezzemolo
Pepe bianco
Preparazione:
Lavare bene le cozze, aprirle a mano o sul gas, filtrarle e tenere da parte la loro acqua. In una padella far indorare l’aglio con l’olio, aggiungere le cicerchie già cotte(vedi mia ricetta zuppa di cicerchie), i pomodorini a spicchi, le cozze e far cuocere per una decina di minuti. Cuocere le trofie, scolarle e aggiungerle al sughetto di cicerchie e cozze, regolare il sapore con l’acqua delle cozze, spadellare e servire con una bella macinata di pepe.
Vino: con questo piatto io nei calici verserei un Pinot grigio friulano Doc